Terapia Cognitivo-Comportamentale

La Terapia Cognitivo-Comportamentale (TCC - dall'inglese Cognitive Behavioral Therapy, CBT) si è sviluppata negli Stati Uniti grazie ad Aaron Beck (1976). E' attualmente considerata la terapia psicologica più efficace per numerosi problemi, sia nella cultura occidentale che in quella asiatica. La TCC è efficace in particolar modo per: ansia generalizzata, ansia per la salute (o ipocondria), attacchi di panico con o senza agorafobia, depressione, disturbo ossessivo-compulsivo, disturbi alimentari, disturbo da stress post-traumatico, fobia sociale, dipendenze e disturbi di personalità. 

La TCC si fonda sui seguenti presupporti:
a) Le persone possono reagire in maniera diversa ad eventi simili perché il significato che esse attribuiscono agli eventi è vario;

b) Le emozioni e i comportamenti sono fortemente influenzati dai pensieri (cioè dal significato che si attribuisce agli eventi o alle emozioni);
c) I comportamenti, a loro volta, influenzano le emozioni e i pensieri. 

Se il SIGNIFICATO CHE DIAMO ALLE PERSONE E ALLE SITUAZIONI determina emozioni e comportamenti, cosa succede quando stiamo male? Come nascono i significati? Per dare una prima risposta a queste domande, è necessario raccontare la storia dei significati, delle emozioni e dei comportamenti dall'inizio: da bambino, grazie ai modelli di comportamento familiare ed alle relazioni sociali, ciascuno sviluppa idee o convinzioni su sé stesso, gli altri e su come funziona il mondo. Queste convinzioni aiutano ciascuno a dare un significato alle persone e agli eventi che accadono. Inoltre, determinano i comportamenti. Accade, a volte, che alcune convinzioni producano dei pensieri (o significati) negativi, che al posto di aiutare a stare bene generano malessere (emozioni angoscianti, ansia, panico etc..). Accade, poi, che questi pensieri spingano a comportamenti problematici o a scegliere contesti sociali negativi. Il comportamento o l'esperienza negativa conferma il contenuto del pensiero. Il circolo vizioso che si può innescare in questi casi diventa responsabile del mantenimento della sofferenza o del disagio psicologico. 

Se i COMPORTAMENTI INFLUENZANO LE NOSTRE EMOZIONI E I NOSTRI PENSIERI, è sufficiente che li modifichiamo quando ci fanno stare male? Quando dobbiamo cambiare comportamento? La risposta alla prima domanda è: "si e no". Si, perché modificare alcuni comportamenti aiuta a fare esperienze positive e a cambiare significati. No, perché a volte più che cambiare comportamento sarebbe meglio cambiare il significato che si attribuisce a una situazione, cioè pensare a una situazione in modo diverso. Tuttavia, non è facile scegliere quando cambiare comportamento e quando intervenire sui pensieri. E' per questo che è necessario il lavoro con il terapeuta! Per comprendere e selezionare quali sono le convinzioni - e i significati conseguenti - e i comportamenti che producono malessere.  

L'obiettivo della TCC è quello di aiutare le persone a:
1. Comprendere quali pensieri e comportamenti in una data situazione creano o mantengono un problema;
2. Trasformare i pensieri che mettono in difficoltà in pensieri che creano benessere e/o aiutano a risolvere un problema;
3. Cambiare alcuni comportamenti che possono creare difficoltà sia a breve che a lungo termine. 
 

La TCC è una terapia attiva: oltre al lavoro con il terapeuta, le persone svolgono dei "compiti a casa": sono, cioè, tenute a testarsi tra una seduta e l'altra attraverso esercizi di modifica dei pensieri e/o dei comportamenti. I compiti a casa sono concordati ed esaminati con il terapeuta. 

Il trattamento si svolge in un tempo limitato, spesso tra le 8-20 sedute. Esse hanno cadenza settimanale o quindicinale e una durata di 50 minuti circa ciascuna.

Si è osservato che la TCC, proprio in virtù del suo approccio attivo e focalizzato ad incrementare la consapevolezza delle persone del loro disturbo e funzionamento mentale in generale, ha inferiori probabilità di ricadute rispetto ad altri approcci psicoterapici.  

Bibliografia 

Barsky, A. J. e Ahern, D. K. (2004). Cognitive behavior therapy for hypochondriasis. A randomized trial. Journal of the American Medical Association, 291, 1464–1470.
Beck, A. T. (1976). Cognitive therapy and the emotional disorders. New York: International University Press.
Dimaggio, G. e Semerari, A. (2003). I disturbi di personalità. Modelli e trattamento. Stati mentali, metarappresentazione, Cicli interpersonali. La Terza Editore, Roma.
Eddy, K. T., Dutra, L., Bradley, R. e Westen, D. (2004). A multidimensional meta-analysis of psychotherapy and pharmacotherapy for obsessive–compulsive disorder. Clinical Psychology Review, 24, 1011–1030.
Fairburn, C.G. (2008). Cognitive behavior therapy and eating disorders. European Eating Disorders Review, 17, 3, 234-316.
Harvey, A., Watkins, E., Mansell, W., e Shafran, R. (2004). Cognitive behavioural processes across psychological disorders: a transdiagnostic approach to research and treatment, Oxford University Press: Oxford, UK.
Hays, P. A. e Iwamasa, G. Y. (2006). Culturally Responsive Cognitive-Behavioral Therapy: Assessment, Practice and Supervision. Washington, DC: American Psychological Association.
Hollon, S. D., Thase, M. E., e Markowitz, J. C. (2002). Treatment and prevention of depression. Psychological Sciences in the Public Interest, 3, 39–77.
Hunot, V., Churchill, R., Teixeira, V., e Silva de Lima, M. (2007). Psychological therapies for generalised anxiety disorder (Review). Cochrane Database of Systematic Reviews.
Leichsenring, F. Salzer, S., Beutel, M.E., Herpertz, S., Hiller, W., Hoyer, J., et al. (2013). Psychodynamic therapy and cognitive-behavioral therapy in social anxiety disorder: a multicenter randomized controlled trial. American Journal of Psychiatry, 170, 759-67.
MacLeod A.K., e Luzon, O. (2014). The Place of Psychological Well-being in Cognitive Therapy. In: G.A. Fava e C. Ruini (2014, Eds.), Increasing psychological Well-being in Clinical and Educational Setting. Springer: Utrecht.
Mendes, D. D., Mello, M. F., Ventura, P., Passarela, C.D.M., e Mari, J. D. J. (2008). A systematic review on the effectiveness of cognitive behavioral therapy for posttraumatic stress disorder. International Journal of Psychiatry in Medicine, 38,3, 241–259.
Ost, L., Thulin, U. e Ramnero, J. (2004). Cognitive-behavior therapy vs exposure in vivo in the treatment of panic disorder with agoraphobia. Behaviour Research and Therapy, 42, 1105-1127.
Rathod, S. & Kingdon, D. (2009). Cognitive behaviour therapy across cultures. Transcultural Psychiatry: 8,9, 370-371.
Rigliano, P. e Bignamini, E., (2009). Cocaina. Consumo, psicopatologia, trattamento. Raffaello Cortina Editore, Milano.
Roth, A. & Fonagy, P. (2004). What Works for Whom?: A Critical Review of Psychotherapy Research. Guilford Press: London, UK.
Sassarori, S. e Ruggiero, G. M. (2010). I disturbi alimentari. Edizioni La Terza, Roma.

Дървени летви - колчета http://www.emsien3.com/letvi от ЕМСИЕН-3
Дървени талпи http://www.emsien3.com/талпи от ЕМСИЕН-3